Nicholas Pierini, la bella scommessa del Venezia

Dopo la rinascita al Cesena, con l’occasione a Venezia l’attaccante sarà uno dei giocatori più interessanti da seguire

Nella foto La Presse l'attaccante del Venezia Nicholas Pierini

 

“Sono arrivato a Cesena in punta di piedi, sfiduciato, ma con tanta voglia di riscattarmi, è stato un onore giocare qui”. Con queste parole, calde, accorate e piene di gratitudine, lo scorso 12 luglio, Nicholas Pierini ha salutato in un post Instagram i tifosi bianconeri.

Ad attenderlo, a braccia aperte, Ivan Javorčić da pochi giorni allenatore del Venezia.

Allenatore che lo ha espressamente richiesto alla società per dare corpo al tridente offensivo del 4-3-3 con il quale vuole regalare agli Arancioneroverdi un ritorno in Serie A. Pierini, non è un mistero, è uno dei pezzi pregiati del nuovo Venezia, l’attaccante esterno che, nel disegno tecnico del croato dovrà innescare Pohjanpalo e Novakovich.

Un compito importante, un compito che, come ha spiegato lo stesso Pierini in diverse interviste era assolutamente impensabile fino a pochi mesi fa.

Nicholas Pierini è figlio d’arte, il papà, Alessandro, conta 207 partite in Serie A tra Udinese, Reggina, Fiorentina e Parma, più 50 in Serie B, sempre con l’Udinese e la Fidelis Andria, poco meno di 100 tra LaLiga e Liga 2 di Spagna ed una partita in Nazionale, l’amichevole di lusso Italia-Argentina del 28 febbraio 2001.

La carriera del calciatore, 24 anni lo scorso 6 agosto, aveva imboccato una strada complicata. A partire del primo impegno da professionista in Italia quando, nell’estate del 2015, il Parma (Pierini giocava nella Primavera guidata da Fausto Pizzi) fallisce e lo lascia libero e senza contratto. A quel tempo Nicholas Pierini ha solo 17 anni, ha da poco cambiato ruolo passando da mezzala ad attaccante esterno e deve ripartire da zero.

Ma proprio nell’estate del 2015 arriva la chiamata del Sassuolo che lo mette sotto contratto dandogli grande fiducia. Fiducia ripagata con una stagione incredibile, 25 presenze e 19 reti in Primavera 1. L’exploit con i giovani di Paolo Mandelli non sfugge al tecnico della prima squadra Eusebio Di Francesco che lo convoca spesso con i grandi.

La stagione successiva è, se possibile ancora migliore, 18 presenze e 10 reti in Primavera 2 e soprattutto il trionfo nel torneo di Viareggio edizione 2017 dove, in compagnia di Adjapong e Scamacca, risulterà decisivo.

L’ascesa del giovane attaccante sembra inarrestabile, nel 2017-2018 il nuovo tecnico del Sassuolo Cristian Bucchi lo porta in pianta stabile in prima squadra. Con i grandi gioca poco, solo 3 presenze ma centra l’esordio in Serie A il 29 ottobre 2017 in Napoli-Sassuolo 3-1, si allena stabilmente con i futuri campioni d’Europa Berardi (il suo modello) e Acerbi, oltre che con alcuni dei giovani leoni del calcio italiano Scamacca, Frattesi, Sensi e Politano.

Ma nonostante le ottime premesse l’avventura con il Sassuolo di fatto finisce qui.

Nei tre anni successivi il club neroverde lo cede in prestito con regolarità conservandone il controllo del cartellino: nel 2018-2019 allo Spezia, nel 2019-2020 al Cosenza e nel 2020-2021 prima all’Ascoli e poi al Modena. Le tre stagioni a cavallo tra Serie B e Lega Pro di Nicholas Pierini sono in chiaroscuro, 25 presenze e 5 reti a Spezia, 20 con 3 reti a Cosenza, 12 ad Ascoli, 12 con reti e Modena.

Ma poi arriva il Cesena, il capitolo della svolta. Il 31 agosto 2021, ultimo giorno di calciomercato, il Sassuolo cede Nicholas Pierini a titolo definitivo al club romagnolo. Come ha spiegato lo stesso calciatore in maniera molto trasparente e umana nel post di addio, Pierini arriva alla corte di William Viali “in punta di piedi, sfiduciato” ma saranno proprio i suoi piedi, il potente destro ed il delicato sinistro a cambiare le sorti della sua carriera. Con i bianconeri, infatti, dopo un inizio stentato, Pierini tra Lega Pro, Playoff e Coppa Italia gioca 38 volte, segna 14 volte e piazza diversi assist.

Gol e assist che gli sono valsi la chiamata del Venezia, gol ed assist che ora dovrà mettere a disposizione di Ivan Javorčić, il primo tecnico che punta forte, e da subito, sull’attaccante di Parma.

 

 

Tutte le news

Serie BKT

Il Frosinone si salva, ma la Reggina si avvicina

Impresa del Cittadella al Ferraris, il Modena vince il secondo derby di fila. Palermo corsaro

Responsabilità Sociale

Il calcio celebra la giornata dei diritti delle persone con disabilità

A Genova sono scesi in campo gli atleti della Divisione Calcio Paralimpico e Sperimentale della FIGC

Serie BKT

Pohjanpalo segna, Bertinato para: il Venezia va

1 a 1 nel secondo anticipo tra Cagliari e Parma: a segno Camara e Pavoletti

Territorio

Cosa vedere e mangiare a Bari

Una trasferta immancabile in un campionato come questo, una piacevole città da visitare assolutamente

Serie BKT

Occhi puntati su Venezia vs Ternana

Una sfida in cui nessuna delle due squadre può fare passi falsi

Serie BKT

15a giornata al via

Una panoramica sui match che si disputeranno sabato 3 e domenica 4 dicembre

loading
expand_less