Cosa vedere e mangiare a Monza

Una serie di curiosità e informazioni utili a chiunque voglia soggiornare nella città brianzola

 

 

Monza rappresenta nell’immaginario italiano e internazionale uno dei” pit-stop obbligatori” se si parla di automobilismo e amore per i motori.

La città, infatti, è sede dell’autodromo Nazionale che ospita varie gare automobilistiche, tra cui una tappa fondamentale per la Formula 1.

La città di Monza, capoluogo della Provincia di Monza e Brianza, una delle aree più produttive d’Europa, è il terzo comune più grande della Lombardia, dopo Milano e Brescia, con una popolazione di poco superiore alle 123 mila persone.

L’A.C. Monza invece, il club della città, ha riportato nella stagione 2020/2021 il “U-Power Stadium –Brianteo”, lo stadio della città, in Serie BKT dopo quasi vent’anni dall’ultima apparizione.

Monza, come numerose città storiche italiane, offre l’opportunità di visitare posti d’interesse storico e culturale da abbinare ad una trasferta della propria squadra, coniugando la passione per il calcio alle numerose bellezze turistiche del nostro Bel Paese.

Cosa vedere a Monza

La città può vantarsi di avere natali risalenti all’epoca romana trovandosi proprio lungo la via Aurea che portava a Como.

La città dall’epoca Medievale ha subito numerose influenze, vicina agli Asburgo d’Austria nel ‘700 e parte del Regno d’Italia nell’800. Nel 1900 Monza è stata anche il teatro di un avvenimento storico: l’assassinio di Re Umberto I°.

Tutta questa storia, che ha attraversato nei diversi secoli la città, oggi offre un ventaglio di alternative sui luoghi da visitare.

Il Duomo e la Cappella di Teodolinda

Il Duomo di Monza si affaccia sull’omonima piazza del centro storico.

La posizione centrale si deve alla Regina longobarda Teodolinda che fece costruire questa basilica nel VI° secolo. Oltre al Duomo non si può non visitare la cappella dedicata alla Regina longobarda in stile gotico con varie raffigurazioni della nobile e della Corona Ferrea, un’antica corona che per secoli fu usata per la consacrazione di numerosi sovrani, tra i quali i Re d’Italia, custodita proprio nel Duomo di Monza.

Adiacente al Duomo si trova anche il Museo e tesoro del Duomo di Monza, con una collezione unica e rara reliquie e preziosi.

Palazzo dell’Arengario

Altro edificio di importanza storica della città di Monza è il Palazzo dell’Arengario.

Anche in questo caso, il nome della piazza non è casuale.

Eretto verso la fine del XIII secolo, l’antico palazzo comunale, detto Arengario, dal latino arengarius “luogo per assemblee”, si trova subito dopo il Duomo cittadino nel centro città, a significare anche visivamente la contrapposizione di poteri, religioso e civile, che anche a Monza si contraddistinse nel Medioevo.

Reggia di Monza

L’ultimo luogo che consigliamo di visitare è la splendida Villa Reale di Monza con il suo Roseto, i Giardini Reali e il vastissimo Parco di Monza.

La Reggia di Monza fu costruita tra il 1777 e il 1780 per volere dell’arciduca Ferdinando d’Asburgo, Governatore Generale della Lombardia austriaca e grazie al finanziamento della madre, l’imperatrice Maria Teresa d’Austria.

L’imponente palazzo reale dista poco più di 1km da Piazza del Duomo, oltre alle numerose stanze è possibile visitare: i Giardini della Villa Reale, la cui superficie è di circa 40 ettari che circondano gli edifici del complesso e costituiscono un patrimonio di inestimabile valore paesaggistico, storico, monumentale e architettonico e il Roseto “Niso Fumagalli”, situato nell’avancorte della Villa, nato nel 1964 per volontà dell’industriale Niso Fumagalli presidente dell’Associazione Italiana della Rosa.

Cosa mangiare a Monza

A Monza sono numerosi i ristoranti e le osterie per le vie del centro o adiacenti ad esse dove è possibile sostare per degustare la cucina tipica della Brianza.

Quella brianzola è una cucina sobria fatta di ingredienti poveri fortemente legati alla tradizione contadina, uno degli ingredienti tipici di questa cucina è infatti il maiale, la cui carne viene utilizzata per numerose lavorazioni e ricette, evitando qualsiasi spreco, come tradizione vuole.

Risotto con la luganega

Il piatto simbolo della città di Monza è il risotto con la luganega.

Nel corso degli anni le varianti sono state moltissime. L’ingrediente base è la salsiccia brianzola, la luganega, con un gusto delicato e dolce perché insaporita con Grana Padano, Marsala e altri aromi naturali.

A questo insaccato brianzolo viene aggiunto lo zafferano, anche se sembra che la ricetta più autentica non lo preveda.

La Cassoeula

La Cassoeula è il piatto tipico meno mainstream per i turisti straieri, ma rappresenta la vera essenza del territorio e della Regione.

È un piatto tipico invernale e molto corposo. È composto da carne di maiale, sia la parte nobile che gli scarti (muso, cotiche e verzitt, gustosi salamini verzini), che vanno a cuocere in un pentolone con della verdura, che in cottura assorbe il gusto e il grasso della carne, e molta verza accompagnata da carote e sedano.

La preparazione richiede tempo e cura nella scelta degli ingredienti e come da tradizione, viene accompagnato sempre da polenta e vino rosso corposo per accentuarne il sapore.

I dolci di San Gerardo

Il patrono di Monza è San Gerardo dei Tintori.

E ovviamente, tra gli omaggi che una città offre al santo patrono, non può mancare un dolce dedicato: a Monza, infatti, troverete i biscotti di San Gerardo.

Si tratta di dolci secchi, di origini probabilmente medievali, fatti senza uova quindi con una lunga conservazione.

Il pane di San Gerardo è invece uno dei prodotti dolciari tipici di Monza con tanto di leggenda che risale al 1117.

In quell’anno San Gerardo ha salvato i cittadini di Monza dalla piena del fiume Lambro stendendo il suo mantello sull’acqua, ricevendo come premio in riconoscenza questo pane dolce, fatto con zucchero, miele e frutta.

 

 

 

 

Tutte le news

Serie BKT

Jayden Oosterwolde, un 2001 dalla grande personalità per il Parma

Il terzino olandese è diventato titolare inamovibile dopo l’apprendistato della passata stagione

Serie BKT

Luca Belardinelli: al Südtirol per diventare grande

Il giovane in prestito dall’Empoli è diventato un elemento fondamentale nello scacchiere di Bisoli

Presidente Mauro Balata
Lega B

Assemblea LNPB, riforme e risparmio energetico temi principali

Necessità di confronto con le altre componenti per condividere riforme decise e strutturali che rilancino il mondo del calcio italiano attraverso…

Serie BKT

Ettore Gliozzi, sempre troppo sottovalutato

Il nuovo attaccante del Pisa ha offerto prestazioni e quantità nelle sue ultime esperienze, con D’Angelo potrebbe vivere il momento migliore

Serie BKT

Mehdi Dorval, una piacevole sorpresa sulla fascia

Il terzino del Bari è uno dei giovani da non perdere di vista in questa stagione

Serie BKT

L'internazionale Pairetto per Pisa-Parma

Designati dalla CAN arbitri e assistenti dell'8a giornata della Serie BKT

loading
expand_less