Scatti di Venezia e Catanzaro

In coda boccata d'ossigeno per l'Ascoli, il Sudtirol va in posizione tranquilla. I big match finiscono in pareggio

Esulta Iemmello. Per lui oggi una doppietta (La Presse)

 

Brescia-Reggiana 0-0

Brescia e Reggiana non si fanno male. Partita bloccata allo stadio Rigamonti tra due squadre che hanno osato solo nella seconda parte della gara. Primo tempo senza emozioni. Nella ripresa esordio di Avella al posto dell'infortunato Andrenacci. E proprio l'estremo del Brescia è stato il migliore dei suoi sventando numerosi tentativi della squadra di Nesta. La squadra di Maraner, in panchina per la squalifica di Maran, ha fatto le sue migliori azioni nel finale ma senza la consueta precisione.

 

Cittadella-Catanzaro 1-2

Il Catanzaro soffre ma vince regalando una grande gioia ai suoi tifosi che in massa hanno seguito le aquile al Tombolato. Inizio granata (salvataggio di Fuilignati su Pandolfi poi, al 9', traversa scheggiata sempre da Pandolfi) quindi un mancino a giro di Iemmello (19'), batte sotto la traversa ed entra in rete. Kastrati è bravissimo nel respingere una punizione di Ambrosino (23') poi i veneti pareggiano con un rigore di Baldini dopo un fallo di mano in area di Situm. Nella ripresa angolo di Vandeputte, girata di Iemmello e vantaggio calabrese. I veneti spingono cercando il pareggio: Salvi obbliga Fulignati in angolo poi Miranda sbaglia servendo Maistrello che spara alto.

 

Como-Parma 1-1

Pareggio complessivamente giusto tra Como e Parma (1-1) al termine di una gara che i ducali avevano saputo indirizzare a loro favore praticamente alla prima azione, prendendo in infilata i lariani con una bella giocata di Mihahila trasformata in gol da Benedyczak. La partita si è subito accesa, con un paio di opportunità per il Como che al 24' pareggia con un tiro centrale di Verdi, a sfruttare un bel lancio di Da Cunha. Più del Parma che del Como il pallino del gioco nel primo tempo, con più di una occasione per gli emiliani, soprattutto con Man. Nella ripresa si è vista subito una conclusione di Partipilo a sfiorare il palo, il Como ha risposto con un tiro di Abildgaard sopra la traversa. Poi, squadre più lunghe e un po' meno spettacolo, per gli ospiti una sola grande occasione con una bella punizione di Mihaila, mandata fuori di poco di testa da Cercati. Il Como ha pressato un po' di più nel finale, ma nessuna delle due ha trovato il colpo vincente.

 

Cremonese-Palermo 2-2

Lo Zini non cade, nemmeno con la Cremonese in dieci per oltre 70 minuti e sotto di due reti. Il messaggio della squadra di Stroppa è chiaro: dopo aver battuto con un uomo in meno il Venezia, i grigiorossi con l'uomo in meno rimontano due gol in un minuto il Palermo annullando il sorpasso della squadra di Corini. Cremonese ancora davanti, ma per come si era messa la gara il punto è pesantissimo. Doveva essere una partita tirata, ma poco dopo il quarto d'ora la svolta che ha cambiato il match. Al primo pallone messo in area dal Palermo, Jungdal esce male, la palla viene calciata ma Sernicola intercetta con la mano. Massa richiamato dal Var concede il rigore ed espelle il giocatore che si è sostituito al portiere. Brunori segna dal dischetto e in meno di venti minuti la Cremonese si ritrova in dieci sotto di un gol. La squadra di Stroppa soffre, Jungdal deve respingere su Ranocchia e Segre, mentre la Cremonese a fatica attacca l'area avversaria con Pickel che si divora una palla clamorosa sparando alta una palla vagante davanti alla porta. Allo scadere raddoppio del Palermo: bella combinazione tra Gomes e Diakité che in area mette in mezzo per Ranocchia abile a deviare in gol. Nella ripresa la Cremonese riaccende la contesa segnando due gol in un minuto: al 4' Castagnetti con un piatto angolato mette in porta un assist di Pickel. Al 5' cross di Castagnetti, Vazquez pizzica di testa e Coda si libera del difensore segnando in diagonale. Il Palermo prova a schiacciare i grigiorossi ma non trova varchi. Al 17' su cross di Vazquez, Ravanelli calcia in mischia ma la palla è deviata in angolo uscendo a fil di palo. Al 38' ci prova Pickel centralmente ma Pigliacelli si salva in due tempi. Al 45' palla persa a metà campo dalla Cremonese, fuga di Mancuso e conclusione deviata in angolo. E' l'ultima occasione di un match in cui la Cremonese dimostra di aver le carte in regola per restare in alto, con il Palermo che rimane in agguato e allunga a sua volta la striscia positiva.

 

Feralpisalò-Ascoli 0-1

Un gol di Masini al 32' del primo tempo regala un'importantissima vittoria all'Ascoli sul campo della FeralpiSalò. Tre punti molto pesanti per la squadra di Fabrizio Castori, che si risolleva in classifica. I marchigiani vanno a segno alla mezz'ora del primo tempo sfruttando un errore in uscita di Pizzignacco. Nella ripresa i gardesani cercano in tutti i modi di pareggiare: l'ex Manzari al 94' segna in rovesciata, ma il Var richiama l'arbitro, che rivede l'episodio e annulla il gol per fallo di Balestrero. Vince l'Ascoli, che si rilancia, mentre la FeralpiSalò sprofonda.

 

Pisa-Venezia 1-2

Ancora una beffa nei minuti di recupero per il Pisa che perde in casa, sotto gli occhi del patron Alexander Knaster, per 2-1 con il Venezia che balza al secondo posto in classifica con 48 punti. Pisa sempre a quota 30 a + 4 sulla zona playout. Primo tempo con emozioni solo nel finale. Prima Valoti calcia alto su assist di Calabresi, poi Pohjanpalo non arriva per un soffio su un cross a pochi passi dalla porta. I gol tutti nella ripresa. Pohjanpalo segna in mischia la rete numero 14 e si conferma capocannoniere della B. Il Pisa però non molla e pareggia dopo pochi minuti con Bonfanti che segna su assist del nuovo entrato Arena. per Bonfanti è la quarta rete in campionato (la terza nel Pisa). Poco dopo Bonfanti si fa male ed entra Mlakar. Il Venezia rischia ma poi passa al 47' con una splendida rovesciata di Olivieri su cross di Busio.

 

Sudtirol-Bari 1-0

Il Südtirol torna a festeggiare la vittoria casalinga, battendo il Bari grazie ad un rigore al 15' della ripresa trasformato da Casiraghi. Partita che la squadra di casa ha interpretato con l'atteggiamento giusto, acquisendo la supremazia territoriale, mantenuta per tutta la gara. Al 24' grande lavoro di Kurtic che serve lo smarcato Tait che, da posizione leggermente defilata, spedisce sull'esterno della rete.
La svolta arriva al 15' della ripresa: il Südtirol sviluppa un'azione veloce condotta sulla sinistra da Cagnano, il terzino insidia l'area con un tiro intercettato da un rimpallo, la palla svicola verso Brenno ma s'inserisce Pecorino che anticipa di netto l'esterno, subendo il fallo che determina il calcio di rigore. Dal dischetto Casiraghi è infallibile segna il vantaggio per i locali che vale i tre punti.

 

Ternana-Lecco 0-0

Nessuna tra Ternana e Lecco ne approfitta veramente dello scontro diretto e finisce 0-0. A conti fatti i migliori di giornata sono stati i due portieri che si sono alternati come migliori in campo. Ha iniziato Saracco che nel primo tempo ha negato il gol a Pereiro servito da De Boer. Nella ripresa gli ha risposto Iannarilli decisivo in almeno due occasioni: conclusione di Busio, colpo di testa di Celjak. Per la squadra di Aglietti primo punto del 2024. Per la Ternana una mezza battuta d'arresto dopo la vittoria di settimana scorsa in casa della Reggiana.

 

 

Tutte le news

Lega B

A Balata il premio Renato Cesarini

A Jesi celebrato l'ex campione italo-argentino. Riconoscimenti anche a Sacchi, Spalletti, Krause e Gabrielloni

Serie BKT

Cremonese-Venezia a Colombo

Il primo atto della finale playoff sarà diretto dall'arbitro internazionale della sezione di Como

Primavera 2 2023-24
Serie BKT

Venezia - Udinese atto finale

Lagunari e friulani in campo sabato 1° giugno per decretare l'ultima promozione in Primavera 1, si salva il Crotone in zona playout

Lega B

Balata agli studenti della Luiss: Siete il futuro del calcio

Lezione del presidente della Lega B agli allievi del master Management per lo Sport dell'università romana

Serie BKT

La Cremonese risponde con un poker

Gli uomini di Stroppa raggiungono il Venezia in finale dopo il 4 a 1 al Catanzaro

Serie BKT

Cremonese-Catanzaro vale il secondo pass per la finale

La seconda semifinale dei playoff ci regalerà il nome della squadra che dovrà scontrarsi col Venezia per il sogno Serie A

loading
expand_less