Ascoli, Brescia e Pisa a punteggio pieno

Vittorie ad Alessandria, Como e Terni. Pari in Spal-Monza, tra Frosinone e Perugia e nel derby calabrese

Alessandria-Brescia 1-3

Terza vittoria consecutiva per il Brescia che al Moccagatta supera l’Alessandria ancora ferma a quota zero punti in classifica. Dopo un primo tempo equilibrato, con qualche buono spunto dei padroni di casa, e’ la squadra di Inzaghi a imporsi. La prima vera occasione del match e’ pero’ tutta di marca alessandrina: al 5′, sugli sviluppi di un angolo, e’ Casarini a buttare in mezzo una palla su cui pero’ Corazza e’ poco lucido. L’attaccante spara cosi’ sui piedi di Joronen. Mira invece sballata al 36′ per Chiarello, il colpo di testa dell’esterno sorvola di poco la traversa a porta sguarnita. La risposta del Brescia e’ tutta nel tiro da fuori di Mehdi al 40′ su cui Pisseri e’ costretto a superarsi in angolo. E se nel primo tempo a dominare e’ l’equilibrio, nella ripresa le rondinelle premono sull’acceleratore trovando cosi’ il vantaggio al 55′ con Mehdi, bravo a deviare uno spiovente a due passi dalla porta. Il raddoppio arriva al 71′ con il rasoterra di Jagiello appena dentro l’area. Ad accorciare le distanze una manciata di minuti piu’ tardi e’ Corazza che con il petto ribadisce in rete una palla finita sul palo. Ma a chiudere i giochi ci pensa Palacio che in pieno recupero sfrutta un errore di Parodi e supera Pisseri per il definitivo 1-3.

 

Como-Ascoli 0-1

Il Como fa la partita, l’Ascoli la vince. I padroni di casa hanno avuto un numero decisamente superiore di occasioni, soprattutto nel primo tempo, ma non sono riusciti a concretizzare, anche grazie ai buoni interventi del portiere avversario e per via di qualche clamoroso errore davanti alla porta. Decisivo quindi l’episodio del rigore concesso a meta’ ripresa, quando Vignali ha commesso un fallo su Maistro. Bravo Dionisi a realizzare dal dischetto nonostante Gori avesse intuito e toccato la palla. Il Como ci prova ancora, ma Gliozzi nei minuti finali di testa manca altre due occasioni clamorose, poi è Gori a salvare ed evitare lo 0 a 2. L’Ascoli vince ancora e rimane in cima alla classifica.

 

Frosinone-Perugia 0-0

Pareggio senza reti al Benito Stirpe tra Frosinone e Perugia, al termine di una sfida comunque intensa e dai ritmi elevati, soprattutto nel corso della prima frazione di gioco. Inizio brillante degli umbri, che nei primi 15′ mettono in seria difficolta’ i padroni di casa, sfiorando il gol dapprima con Murano, che perfettamente innescato da Kuoan non riesce a superare Ravaglia da pochi metri, e poi con lo stesso ivoriano che al 14′ scheggia la traversa con una battuta dal limite al termine di una bella azione corale. Scampati i pericoli i canarini si riorganizzano e si fanno vedere dalle parti di Chichizola con i tiri di Ciano e Garritano. Ripresa decisamente equilibrata, con le squadre che non si concedono spazi. Le uniche conclusioni arrivano infatti dalla media distanza. I due tecnici si affidano cosi’ alla girandola di cambi per provare a trovare la giocata vincente senza pero’ avere fortuna.

 

Crotone-Reggina 1-1

Il derby della Magna Grecia torna all’Ezio Scida dopo otto anni e regala un punto a testa a Crotone e Reggina. Sotto una pioggia battente, ma con il terreno in perfette condizioni, Modesto inserisce tre degli ultimi arrivati, mentre Aglietti deve rinunciare a Denis, Rivas e Menez. La gara decolla dopo la mezz’ora e dopo lo spavento per la caduta rovinosa di un tifoso amaranto, che viene portato in ospedale in codice rosso. E’ il Crotone a sfiorare la marcatura piu’ volte, specie quando Mulattieri da due passi centra Micai di testa. Ma nel momento migliore del Crotone, al 44′ la Reggina passa con il colpo di testa di Galabinov pescato nell’area piccola da Ricci. Il pari dei padroni di casa arriva al 14′ della ripresa con Benali, che colpisce di destro dal limite sugli sviluppi di un corner. Fino al termine succede poco altro. Modesto, alla sua panchina numero 100 tra i professionisti, deve rinviare l’appuntamento con la prima vittoria di stagione. Aglietti ottiene la continuita’ che cercava.

 

Spal-Monza 1-1

Bella partita e 1-1 tra Spal e Monza. Biancazzurri in vantaggio al 13′ con una rete di Colombo, lesto ad approfittare di una respinta del portiere brianzolo Di Gregorio su conclusione di Latte Lath. La Spal attacca e il Monza si difende con qualche affanno. Estensi ancora pericolosi al 27′ con Latte Lath, ma Di Gregorio fa buona guardia. Il Monza ci prova con un tiro alto di Mazzitelli al 35′ e va in gol al 41′ con Gutkjaer, ma la rete viene annullata per fuorigioco dello stesso attaccante. Nella ripresa il Monza si getta all’attacco, mentre la Spal arretra troppo e all’8′ gli ospiti pareggiano con Carlos Augusto di testa su cross di Mazzitelli. La Spal agisce di rimessa e al 29′ spreca con Melchiorri un’ottima occasione, con l’attaccante spallino che da buona posizione calcia addosso a Di Gregorio. Le due squadre cercano di superarsi fino all’ultimo ma il match si chiude con un pareggio sostanzialmente giusto.

 

Ternana-Pisa 1-4

Tutto facile per il Pisa che a Terni vince, convince e si candida ad un ruolo da protagonista nel campionato di Serie BKT. D’Angelo non rinuncia a Lucca fresco di prima convocazione con l’Under 21 e viene ripagato nel modo migliore: gol, assist e migliore in campo. Eppure la Ternana ha provato a reagire dopo il gol a freddo di De Vitis con Donnarumma al primo centro stagionale. Poi pero’ i rossoverdi sono caduti sotto i colpi dei toscani tornati in vantaggio con l’autogol di Sorensen e hanno poi arrotondato con Lucca, prima, e Cohen, dopo, per un 4-1 che non ammette repliche. Bene  Maresca sotto l’occhio attento del designatore Rocchi. Per la Ternana terza sconfitta consecutiva.

 

Nella foto La Presse l’esultanza di Mehdi dopo aver sbloccato il risultato a favore del Brescia