Rispetto

#Calciovero

Il Campionato degli italiani

Registrati


lega serie b

Regole del gioco

Regole del gioco

Tutti hanno giocato a calcio almeno una volta: con gli amici al parco oppure con la squadra della propria città, o magari in spiaggia. Ma sei sicuro di conoscere tutte le regole del calcio "vero"? Saresti in grado di spiegare come funziona il fuorigioco? Che differenza c'è tra un calcio di punizione "diretto" e uno "indiretto"? Il calcio è senza dubbio il gioco più bello del mondo, ma è fondamentale conoscere (e rispettare!) le sue regole. Ecco perchè durante una partita il ruolo dell'arbitro è così importante: è lui che garantisce il rispetto del regolamento. Allora, che aspetti? Mettiti subito alla prova rispondendo alle domande che trovi qui sotto e scopri se sei un vero esperto di calcio!

Risposta:

Ogni partita viene disputata da due squadre. Ciascuna di esse è formata da 11 giocatori: 1 portiere + 10 giocatori di movimento (difensori, centrocampisti, attaccanti). In totale, quindi, i giocatori in campo durante una partita di calcio sono 22.

Risposta:

No. I calciatori non devono indossare alcun indumento o oggetto che possa essere pericoloso per se stesso o per gli altri giocatori in campo.

Risposta:

La regola del "vantaggio" funziona così: quando un giocatore della squadra A commette un fallo ai danni di un giocatore della Squadra B, l'arbitro può decidere di non intervenire se ritiene che, fermando il gioco, risulti favorita la Squadra A (cioè proprio quella che ha commesso il fallo) invece che la Squadra B. Per esempio: se, dopo un fallo commesso da un giocatore della squadra A, il pallone viene subito recuperato da un giocatore della squadra B, allora l'arbitro può decidere di accordare il "vantaggio" (quindi decide di non fischiare) per non fermare l'azione della squadra B.

Risposta:

No. Se un arbitro non si presenta prima dell'inizio di una partita, entrambe le squadre hanno l'obbligo di attenderlo per 45 minuti. Nel caso in cui l'arbitro non si presenti del tutto, è necessario trovare un arbitro sostituto. Se l'arbitro sostituto non viene trovato, la partita viene rinviata.

Risposta:

Nel calcio, le dimensioni minime consentite del terreno di gioco sono di 45 metri in larghezza e 90 metri in lunghezza. Le dimensioni massime consentite sono invece di 90 metri in larghezza e 120 metri in lunghezza.

Risposta:

Il pallone della partita deve pesare minimo 410 e massimo 450 grammi. Inoltre deve essere in cuoio (o in un altro materiale approvato dalla Federazione), deve avere una forma sferica e la sua circonferenza deve misurare tra i 68 e i 70 centimetri.

Risposta:

No. Nessuna partita può iniziare se una delle due squadre ha meno di sette uomini a disposizione. Questo principio è valido anche durante la partita: se una delle due squadre, a causa di infortuni o espulsioni, rimane in campo con meno di sette uomini, la partita viene immediatamente sospesa

Risposta:

In tutte le partite ufficiali, è consentito un numero massimo di tre sostituzioni per squadra. In occasioni di partite amichevoli, invece, possono essere consentite anche più di tre sostituzioni.

Risposta:

No. Soltanto il capitano della squadra ha il diritto di rivolgersi all'arbitro e ai suoi assistenti durante la partita. Il capitano può parlare all'arbitro solo a gioco fermo, sempre con toni pacati e corretti. Il capitano ha inoltre il compito di tenere a freno eventuali reazioni eccessive da parte dei compagni di squadra.

Risposta:

Gli assistenti collaborano con l'arbitro e lo aiutano nella gestione della partita, ma è sempre e soltanto l'arbitro a prendere l'ultima decisione. Gli assistenti hanno il compito di "segnalare" (fuorigioco, scorrettezze non viste dall'arbitro ecc.), ma non possono prendere alcuna decisione.

Risposta:

Durante una gara, l'arbitro è aiutato dai due assistenti di linea (i "guardalinee") e dal quarto ufficiale di gara (il "quarto uomo"), posizionato a bordo campo vicino alle due panchine. Inoltre, a seconda delle competizioni, possono essere previsti anche due arbitri addizionali (gli "arbitri di porta"). I parastinchi devono essere fatti in un materiale idoneo a garantire la sicurezza del giocatore (gomma, plastica o materiali simili) e, durante la partita, devono essere completamente coperti dai calzettoni.

Risposta:

La durata del recupero viene sempre decisa dall'arbitro, tenendo conto del tempo perso durante la partita per sostituzioni, infortuni, interruzioni del gioco ecc.

Risposta:

Sì. Se il pallone tocca l’arbitro, il gioco prosegue perché l’arbitro è considerato parte del gioco (proprio come quando il pallone viene respinto dal palo).

Risposta:

No. Affinchè un gol sia regolare, il pallone deve aver superato interamente la linea di porta (sia a terra, sia in aria).

Risposta:

Un giocatore è in fuorigioco quando, al momento del passaggio da parte di un compagno di squadra, si trova in posizione più avanzata rispetto al proprio compagno e senza nessun giocatore avversario tra sè e il portiere. Quindi, se un giocatore riceve palla in posizione di fuorigioco, l'arbitro deve fermare il gioco e accordare un calcio di punizione in favore della squadra avversaria.

Risposta:

Sì, perchè, anche se non tocca direttamente il pallone, il giocatore in "fuorigioco" impedisce al portiere di poter intervenire sulla conclusione da parte di un avversario.

Risposta:

Un calcio di punizione "diretto" può essere battuto calciando direttamente verso la porta avversaria, mentre non è possibile farlo battendo un calcio di punizione "indiretto". Se il calcio di punizione è "indiretto", l'arbitro tiene un braccio alzato durante l'esecuzione del calcio di punizione stesso. Comunque, al momento della battuta del calcio di punizione, il pallone deve essere fermo e non in movimento.

Risposta:

Sì. Tutti i calciatori (titolari, di riserva, sostituiti) sono ugualmente sottoposti all’autorità dell’arbitro, senza distinzione tra quelli che si trovano in campo e quelli seduti in panchina. Anche i giocatori (e i dirigenti) seduti in panchina devono sempre mantenere un comportamento corretto.

Risposta:

Se il passaggio all'indietro da parte di un compagno di squadra è intenzionale e viene effettuato coi piedi, il portiere non può toccare il pallone con le mani. Può invece farlo se il passaggio non è intenzionale oppure se viene effettuato di testa o di petto.

Risposta:

Il portiere non può tenere il pallone tra le mani per più di 6 secondi. Se questa regola viene violata, l'arbitro concede un calcio di punizione "indiretto" a favore della squadra avversaria all'interno dell'area di rigore.

Risposta:

Per “gioco pericoloso” si intende una qualsiasi azione di un calciatore che, nel tentativo di giocare il pallone, mette in pericolo l’incolumità fisica di se stesso o di un avversario. Il "gioco pericoloso" viene commesso quando c’è un nelle vicinanze un avversario, al quale si impedisce di giocare il pallone per timore di infortunarsi.

Risposta:

Il portiere riceve un cartellino rosso dall'arbitro e viene espulso, poichè gli è consentito giocare il pallone con le mani esclusivamente all'interno della propria area di rigore.

Risposta:

Tutti i calciatori della squadra che sta difendendo devono trovarsi ad almeno 9.15 metri dal pallone fino a quando questo non sia in gioco (cioè fino a quando il calcio di punizione non viene battuto).
lega b